E ancora una volta non ho saputo resistere, avrei tanto voluto fare qualcosa di determinante che potesse realmente cambiare l’ordine sparso dei miei futuri eventi, quella miriade di progetti di vita ancora in fase di ultimazione, ma la mia flebile resistenza si e’ limitata soltanto a quell’estenuante abbandono senza fine fra le sue possenti braccia, magari solo il tempo materiale per ritrovare il ceppo originario delle mie emozioni. Piu’ di una volta ho creduto sino in fondo che la dimensione del tempo che scorre col passar degli anni sia ancora oggi l’unico fluido magico capace di allentare le pressioni di una vita, tavolta ben lontana dai piu’ reconditi desideri che animano il mio cuore. Ma lo scorrere implacabile dello spazio temporale e’ un qualcosa che ci appartiene in modo viscerale, e’ il filo conduttore della cosa piu’ preziosa che possediamo…la nostra Vita…quella stessa vita scandita da sempre da rigorosi tempi che il piu’ delle volte non sentiamo nostri, in realta’non ci sono mai appartenuti, eppure con una apparente ingannevole sicurezza, ostentiamo scelte e decisioni il piu’ delle volte molto sofferte, nate inevitabilmente da situazioni a senso unico, quelle in cui non si ha neanche il tempo di guardarsi intorno per urlare al mondo intero quello che desideriamo da sempre ..quante volte ho fatto buon viso a cattivo gioco mentre nel profondo della mia anima avvertivo nette sensazioni prima di dolore e subito dopo di rabbia. Poi il tempo passa,come tutto d’altronde e ti ritrovi ad un’eta’ da mediano a valorizzare tutto cio’ che e’ riuscito a soppravivere alla forza centrifuga che si sprigiona ogni qual volta ci si illude di essere realmente liberi come l’aria…ma e’ solo una aleatoria sensazione, breve ed intensa al pari di un fulmineo lampo in un cielo minaccioso e scuro. Ma il tempo e’ realmente capace di sanare ferite che ci hanno solcato violentemente il nostro cuore ? E’ in grado di portare sollievo nelle malattie dell’anima ? Vorrei tanto rispondere a queste domande ma ho paura di non avere piu’ risposte, troppe volte ho dovuto ancora una volta inventarmi di sana pianta la mia vita…e altretante volte ho avuto la netta sensazione che certe ferite permangono dentro vita natural durante… nella vita non si finisce mai di imparare, forse e’ per lo stesso motivo che vorrei provare a vivere ogni istante della mia vita come se fosse l’ultimo, cercando di poter cogliere il meglio da ogni persona che mi circonda…buoni propositi a tutti voi nella speranza che sappiate cogliere la vera, unica essenza della vita…!
ed il buon Davide Sgorlon ci invita al suo concetto melodico del tempo inesorabile che scorre….buon ascolto.

https://www.youtube.com/watch?v=huQaxZ_cSqs



3 Commenti to “IL TEMPO….”

  1.   Fausta Says:

    Infatti….non é vero che il tempo è “medico”.Ciao Arnaldo.

  2.   Davide Sgorlon Says:

    Grazie Arnaldo…è confortante vedere come ognuno cerchi a suo modo e con i propri mezzi…di dare un significato accettabile al mistero dello scorrere inesorabile del tempo…e più in generale della vita…bello!!

  3.   arnaldofingerstyle Says:

    ti ringrazio Davide…!